Fiore Little Yellow

I ruderi del Rifugio Popena - Auronzo Misurina

Un Rifugio, in una lunga e straordinaria storia.

La passione di Lino, montanaro doc, e il suo sogno di costruire un Rifugio in una bellissima e panoramica forcella tra il Cristallo e Misurina. Un sogno che si realizza alla fine degli anni '30. Un punto di riferimento importante per l'escursionismo e l'alpinismo all'interno della Val Popena Alta.

Ma la storia insegna e ricorda quel periodo tragico per il Mondo intero. Tra il 1940 e il 1945 il Rifugio deve fare i conti con il secondo conflitto bellico. Gli escursionisti sono sempre meno e l’inospitalità del territorio in “prima linea” fa diminuire maggiormente la presenza di gente di montagna. Ma la Grande Guerra è il male peggiore per i sogni di Lino.


Nel 1948 dei balordi salgono al Rifugio chiuso per la stagione invernale, riescono ad entrarci e, dopo aver rovistato il più possibile, danno fuoco all’intera struttura. E’ quella che viene considerata la mazzata finale per Lino. Sebbene i tentativi di ripristinare al meglio l’intera struttura, con vari tentativi di ricostruirne almeno una buona parte, le risorse economiche dell’epoca non sono sufficienti per poter dare vita nuovamente a quel sogno.

A distanza di così tanti anni, ciò che rimane è unicamente un cumulo di macerie formato dai suoi quattro lati per una parte ancora ben saldi alle fondamenta. L’idea di Lino nel trovare la giusta posizione era perfetta.

Il luogo attuale vede il rimanente di questa struttura come un punto di passaggio o un punto di arrivo. L’escursione più caratteristica è quella dal sentiero 222, che dal Ponte di Val Popena Alta risale per intero la bellissima Val Popena Alta, ai piedi del Cristallino di Misurina.


Stefano

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti